Dichiarazione di accessibilità AGID: cos’è e come funziona

Dichiarazione di accessibilità AGID: cos’è e come funziona

Chiunque gestisca il sito web di una pubblica amministrazione avrà incontrato l’ostacolo della dichiarazione di accessibilità AgID (Agenzia per l’Italia Digitale). Anche animati dalle migliori intenzioni in materia di accessibilità web, la situazione non è semplice e va chiarita. Ecco perché è importante partire dalla domanda, anzi, dalle domande, più semplici riguardo alla dichiarazione di accessibilità AgID: cos’è? E come funziona?

Cos’è la dichiarazione di accessibilità AgID

La dichiarazione di accessibilità AgID è un obbligo a cui i titolari delle applicazioni e dei siti web delle pubbliche amministrazioni sono tenuti. La data d’inizio dell’obbligo è il 23 settembre 2021, termine ultimo per presentare la dichiarazione in materia di applicazioni.

In sostanza, da settembre 2021 regioni, capoluoghi, province, comuni e amministrazioni statali devono rendere conto dell’accessibilità delle piattaforme informatiche di cui sono titolari. Ossia va indicato in quale misura le persone con disabilità possono usufruire dei servizi informatici offerti dalle istituzioni.

Come si compila la dichiarazione di accessibilità AgID

Per provvedere alla dichiarazione bisogna cliccare su questo link, che conduce alla piattaforma AgID che consente di caricare la dichiarazione di accessibilità. Questo form segue le disposizioni fornite dall’Unione Europea con la direttiva 2102 del 2016.

Si può dire che la dichiarazione, così come impostata sul sito dell’AgID, prevede due parti. La prima vede i seguenti elementi:

  • Stato di conformità del sito o dell’applicazione alle WCAG;
  • Dichiarazione di contenuti, sezioni e funzioni non accessibili, in caso di non conformità parziale o totale;
  • Indicazione del meccanismo di feedback e recapiti dell'amministrazione cui indicare le osservazioni;
  • Procedura di attuazione dei diritti digitali dei cittadini (Difensore Civico Digitale).

La seconda parte è invece così composta:

  • informazioni sull’applicazione o sul sito: vanno indicati i contenuti, le funzionalità e via dicendo;
  • informazioni sull’amministrazione titolare della piattaforma digitale.
Web Content Accessibility Guidelines

Chi deve compilare la dichiarazione di accessibilità AgID

Con la Circolare n. 3 del 1 ottobre 2018, il Ministero per la Pubblica Amministrazione ha invitato tutte le amministrazioni pubbliche a individuare al loro interno un Responsabile per la Transizione Digitale. A questa nomina sono seguiti dei periodi di formazione, uno per anno, che si possono trovare a questo link.

Questa figura, abbreviata come RTD, “ha tra le principali funzioni quella di garantire operativamente la trasformazione digitale della Pubblica Amministrazione, coordinandola nello sviluppo dei servizi pubblici digitali e nell’adozione di modelli di relazione trasparenti e aperti con i cittadini”. Al RTD “competono le attività e i processi organizzativi ad essa collegati e necessari alla realizzazione di un’amministrazione digitale e all’erogazione di servizi fruibili, utili e di qualità”.

Il Responsabile per la Transizione Digitale, nel caso specifico, è tenuto a presentare la dichiarazione di accessibilità AgID. Questi deve essere ufficialmente registrato per il ruolo all’interno dell’Indice delle Pubbliche Amministrazioni (IPA). Solo in questo modo può accedere al sito dedicato per inserire le dichiarazioni di accessibilità.

Qual è il termine per presentare la dichiarazione

Come anticipato sopra, il termine per presentare la dichiarazione di accessibilità AgID era il 23 settembre 2021 per quanto riguarda le applicazioni mobile delle pubbliche amministrazioni. Per quanto riguarda i siti web, invece, il termine era di poco antecedente: il 23 giugno 2020.

Ogni anno entro il 23 settembre vanno aggiornate le nuove dichiarazioni di accessibilità: pertanto le amministrazioni possono indicare gli eventuali progressi compiuti in materia di utilizzabilità delle loro piattaforme da parte delle persone con disabilità.

In che parte del sito è indicata la dichiarazione di accessibilità

Una volta compiuta la fase di compilazione della dichiarazione sul form sopra indicato, il Responsabile per la Transizione Digitale riceverà un link da parte dell’AgID. Questo link andrà esposto nel footer del sito web e nella sezione delle informazioni generali dell’applicazione, sotto la dicitura “dichiarazione di accessibilità”. Solo al compimento di questo step la dichiarazione sarà considerata ricevuta da parte dell’AgID.

Come rendere il proprio sito web accessibile facilmente

Tutti gli obblighi sopracitati prevedono un notevole impegno da parte degli addetti alla parte informatica dell’amministrazione. Ecco perché è utile ricorrere a sistemi integrati volti a rendere il sito web completamente accessibile.

AccessiWay offre un software alimentato da intelligenza artificiale che scansiona le pagine del tuo sito per provvedere alla loro piena accessibilità. Nel caso in cui questo non fosse sufficiente, AccessiWay offre anche servizi di consulenza capaci di farti ottenere la piena conformità alle direttive europee.


Se vuoi sapere nel dettaglio come funziona AccessiWay, leggi questo articolo! Se vuoi invece vedere le tariffe, clicca qui!

FacebookInstagramTwitterLinkedIn

Scopri se il tuo sito web è accessibile!

Analizza il tuo sito