Foto di due persone che indicano lo schermo di un computer

Accessibilità web: linee guida, cosa sono?

Cosa sono le Linee guida per l'accessibilità dei contenuti web?

Le Linee guida per l'accessibilità dei contenuti Web (WCAG 2.1- Web Content Accessibility Guidelines) sono i protocolli più influenti che modellano la politica di accessibilità del web. Sebbene le WCAG non siano state prodotte da un governo o da un'agenzia di regolamentazione, sono emerse come modello al quale si conformano la maggior parte degli atti legislativi sull'accessibilità in tutto il mondo.

Per capire la posizione che le WCAG occupano nello spazio dell'accessibilità web, è importante, prima di tutto, concentrarsi sul World Wide Web Consortium(W3C). Il W3C è stato fondato nell'ottobre 1994 in un momento in cui l'attività web globale stava crescendo. Ha origine nelle sale del Laboratorio di Informatica del MIT (MIT/LCS) e tra i fondatori si annoverano alcuni dei migliori scienziati del settore. Alla fine del 2019, l'organizzazione ha raccolto oltre 440 membri tra cui aziende, organizzazioni senza scopo di lucro, università, enti governativi e settore privato. Gli obiettivi dell'organizzazione erano originariamente focalizzati sulla standardizzazione dei protocolli web al fine di favorire la compatibilità e l'accordo tra gli attori del settore. Nel corso degli anni, il W3C ha iniziato a porre una maggiore enfasi sui protocolli web e sulle raccomandazioni per l'amministrazione dei sistemi. Il processo di sviluppo per qualsiasi standard W3C prima della sua pubblicazione è piuttosto rigoroso, comprese le fasi di bozza, le raccomandazioni e le revisioni da parte dei membri del Consortium. Dopo approfonditi test e analisi da parte della comunità W3C, viene pubblicato uno standard, in genere con tre "livelli" di conformità per sviluppatori o amministratori che desiderano etichettare il proprio lavoro in conformità al W3C.

Lo sviluppo di standard di accessibilità del web è stato uno delle prime questioni affrontate dai fondatori del W3C a metà degli anni '90. Occorrono tuttavia diversi anni prima che venga pubblicata una serie coerente di standard da seguire. Nel 1998, il Trace R&D Center dell'Università del Wisconsin, collaboratore del W3C, ha presentato un documento in 25 punti sulle migliori pratiche dell’accessibilità web. Questo è servito come base per la prima versione delle WCAG pubblicata l'anno successivo. Quasi dieci anni dopo, alla fine del 2008, è stato rilasciato il WCAG 2.0. Oggi, la versione aggiornata delle WCAG 2.0 è lo standard del W3C sull'accessibilità del web.

Principi delle WCAG

Sebbene gli articoli effettivi delle WCAG siano piuttosto numerosi, le Linee guida si basano su quattro principi essenziali elencati qui sotto.

Percettibilità La percettibilità riguarda i sensi che le persone impiegano durante la navigazione sul web. Alcuni utenti che possono incontrare difficoltà nell’utilizzo di uno o più sensi, si possono avvalere dell’ausilio di specifiche tecnologie assistive. I tre sensi a cui si rivolge WCAG sono la vista, l'udito e il tatto.

Funzionalità

Un sito web è considerato operabile quando tutte le funzioni possono essere attivate dagli utenti con relativa facilità. Questo è particolarmente importante da considerare quando si affrontano le esigenze delle persone con disabilità motorie. La compatibilità con la navigazione tramite tastiera e altre alternative al mouse gioca un ruolo importante nel raggiungimento di una funzionalità completa ed inclusiva. A questo proposito, è importante anche evitare di fissare limiti di tempo e meccanismi per la correzione degli errori.

Comprensione

Un sito web deve utilizzare termini chiari, avere istruzioni semplici e spiegare o guidare nella comprensione di attività complesse. Per rendere un sito comprensibile è anche necessario evitare funzioni insolite, impreviste o incoerenti sono aspetti centrali per rendere comprensibile un sito.

Robustezza

La robustezza di un sito web viene misurata da due fattori: in primo luogo, un sito deve soddisfare standard riconosciuti, come l'utilizzo di HTML e CSS puliti. In secondo luogo, deve essere compatibile con gli strumenti di assistenza che le persone disabili potrebbero dover utilizzare durante la navigazione. Il mantenimento di un sito robusto  a 360° riduce al minimo il rischio che gli utenti si affidino ad una tecnologia che non è in grado di elaborare correttamente le sue pagine web.

In che modo le WCAG sono correlate alle leggi sull'accessibilità?

Essendo un accordo collettivo internazionale privato, le WCAG non hanno alcun potere di applicazione legale. Tuttavia, diversi enti governativi hanno adottato le Linee guida come standard con cui sarebbero state implementate le proprie leggi sull'accessibilità.

Stati Uniti

Nel gennaio 2017, l' US Access Board, l'agenzia federale dedicata alle politiche sull’accessibilità, ha approvato un regolamento definitivo per aggiornare la Sezione 508 del “Rehabilitation Act” del 1973. La Sezione 508 impone l'accessibilità web per le piattaforme online amministrate da enti federali o per qualsiasi organizzazione che riceve finanziamenti federali. La nuova regola richiede il Livello AA dei criteri di successo delle WCAG 2.0 per ottenere la conformità alla Sezione 508. Questo standard di accesso è entrato in vigore all'inizio del 2018. Allo stesso modo, anche i casi giudiziari riguardanti l'American with Disabilities Act (ADA) (la legge che disciplina gli alloggi pubblici) sono finiti in tribunali che richiedono alle organizzazioni private di ottenere la conformità alle WCAG.

Unione Europea

Nel 2010, i funzionari di competenza hanno adottato gli standard di livello AA delle WCAG come obbligatori per tutti i siti ufficiali dell'Unione Europea. Questo è stato successivamente esteso a tutte le piattaforme web del "settore pubblico" da una decisione politica dell'UE del 2016. Due anni dopo, l'agenzia dell'UE che sovrintende le normative digitali, l'European Telecommunications Standards Institute (ETSI), ha aggiornato i regolamenti del 2016 per includere le nuove WCAG 2.1. L'UE ha inoltre adottato le WCAG 2.0 per il nuovo European Accessibility Act (EAA). La legge è entrata in vigore il 19 settembre 2019 e impone alle imprese private di conformarsi entro il 2025.

Canada

Nel giugno 2019, l' Accessible Canada Act (ACA) è stato convertito in legge dal governo federale di Ottawa. L'ACA richiede ai siti web della maggior parte delle organizzazioni sotto l'egida del governo federale di applicare gli standard di accessibilità del web. Anche privati, nei settori bancario e finanziario, dei trasporti, nonché delle tecnologie di trasmissione e comunicazione, sono interessati da questa legge. Le raccomandazioni ufficiali per la conformità ACA affermano che i siti Web dovrebbero soddisfare gli standard delle WCAG "ratificate più di recente". Oltre all'ACA federale, negli ultimi quindici anni in Canada sono state approvate diverse leggi sull'accessibilità a livello provinciale. Includono l' Accessibility for Ontarians with Disabilities Act  (2005), l'Accessibility for Manitobans Act (2013) e il Nova Scotia Accessibility Act (2017). Questi atti hanno una portata più ampia rispetto all' ACA in quanto si applicano a tutte le organizzazioni private aperte al pubblico. Tutte e tre queste leggi utilizzano le WCAG come standard di conformità.    

Australia

L' Australian Disability Discrimination Act (DDA) è stato emanato nel 1992 con l'obiettivo di eliminare le barriere per le persone disabili all'interno dello spazio di lavoro del mondo reale. La Commissione governativa per i diritti umani, così come altri organismi autorevoli in Australia, hanno interpretato la DDA come applicabile anche ai servizi online. Secondo le raccomandazioni ufficiali, tutte le aziende e i servizi in Australia sono "fortemente incoraggiati" a soddisfare gli standard delle WCAG 2.1 per evitare di violare il DDA. Nel 2010, il governo australiano ha lanciato la sua Strategia di transizione nazionale per l'accessibilità al web per assicurare che i servizi governativi fossero accessibili alle persone disabili. Oggi, tutte le agenzie governative australiane sono tenute per legge a soddisfare il Livello AA delle WCAG 2.0.

Israele

L'Israel Standard (IS) 5568 è entrato in vigore nell'ottobre 2017. Lo Standard richiede che quasi tutte le aziende rendano i propri siti accessibili e si basa anche sulle WCAG.

Abbiamo visto come nonostante le WCAG non posseggano un'autorità legale, hanno ottenuto un riconoscimento globale: il più importante insieme di standard di accessibilità, che viene applicato in vari gradi dalla maggior parte dei paesi.

FacebookInstagramTwitterLinkedIn

Scopri se il tuo sito web è accessibile!

Analizza il tuo sito